Torna alla home page

Museo della Repubblica di Montefiorino e della Resistenza italiana

 

 

 

Articoli
 

Calendario Eventi 

 

 

 

I 76 anni della Zona Libera di Montefiorino

20_FT0000030371.jpg

"Verso la metà di giugno i distaccamenti di Barbolini, Fontana e Balin, che sono stati raggiunti da Davide, cingono d'assedio Montefiorino. La permanenza dei fascisti, continuamente minacciata dal fuoco partigiano, diventa impossibile. Nella notte fra il 16 e il 17 i militi tentano la fuga scendendo verso Ponte Dolo, ma i partigiani li stanno aspettando e fanno una quarantina di prigionieri. Sabato 17 giugno i primi partigiani entrano a Montefiorino liberata. Nel giro di dieci giorni, le forze fasciste sono state scacciate dai comuni di Montefiorino, Frassinoro, Prignano, Polinago, Toano, Villa Minozzo e Ligonchio. I partigiani sono padroni di una zona montana estesa 1.000 chilometri quadrati [...]. Quella di Montefiorino è la prima delle 《repubbliche partigiane》che sorgono nel Nord Italia tra l'estate e l'autunno del 1944. È un'esperienza che non nasce da un piano predisposto in precedenza, ma come spontaneo sviluppo del movimento partigiano [...]".

Ermanno Gorrieri, Giulia Bondi, "Ritorno a Montefiorino", Bologna: Il Mulino, 2005.

     

 
 

 

 

 

 
 

 

Via Rocca, 1 - 41045 Montefiorino (MO) - Tel. +39 0536 962815/962811 - Fax +39 0536 965535 - info@resistenzamontefiorino.it